Le antiche leggende aborigene conservano la storia dell’innalzamento del livello del mare

Traduco qui un articolo di due ricercatori Australiani (tutto in basso la citazione)

All’inizio, per quanto si ricordi, le nostre isole originali non erano affatto isole come lo sono oggi. Facevano parte di una penisola che sporgeva dalla terraferma e noi vagavamo liberamente per la terraferma senza dover salire su una barca come facciamo oggi. Poi Garnguur, la donna gabbiano, prese la sua zattera e la trascinò avanti e indietro attraverso il collo della penisola, lasciando che il mare si riversasse e trasformasse le nostre case in isole.”

Così dice una storia aborigena, parafrasata, sull’origine delle isole Wellesley nel sud del Golfo di Carpentaria, una storia con paralleli lungo ogni parte della costa australiana. Lungo la costa meridionale, storie scritte all’inizio dell’epoca coloniale, raccontate quando queste zone erano aride, un tempo in cui la gente vi cacciava canguri ed emu, prima che l’acqua si alzasse e li inondasse, per non recedere mai più.

In un recente articolo che abbiamo presentato a una conferenza sulla lingua indigena in Giappone, abbiamo analizzato 18 storie provenienti da tutta la costa australiana. Tutti raccontano storie di inondazioni costiere. Sosteniamo che queste storie (e probabilmente molte altre) ricordano le inondazioni costiere quando il livello del mare ha raggiunto il livello attuale almeno 6.000-7.000 anni fa.

La fine delle ere glaciali


In tutta l’Australia, sappiamo che nel periodo più freddo dell’ultima era glaciale, circa 20.000 anni fa, il livello del mare si trovava circa 120 metri al di sotto del livello attuale.

Quando l’ultima era glaciale ha cominciato a finire, qualche migliaio di anni dopo, enormi masse di ghiaccio che si erano accumulate sulla terraferma, in particolare nell’emisfero nord, hanno cominciato a sciogliersi. L’acqua si riversò negli oceani del mondo, innalzandone il livello in modi che oggi sono ben compresi.

Circa 13.000 anni fa, il livello del mare era salito a circa 70 metri sotto il livello attuale. Mille anni dopo, era salito a circa 50 metri sotto il livello attuale.

Queste date ci danno un’idea di quanto possano essere vecchie storie di inondazioni. Potrebbero averci raggiunto da 13.000 anni fa?

Tracciare le storie


Diversi decenni fa, i linguisti che lavoravano con i gruppi aborigeni lungo il margine costiero del Queensland hanno registrato storie di un tempo in cui gli antenati di questo popolo vivevano sulla costa “dove ora si trova la Grande Barriera Corallina”.

Una versione della storia raccolta dal popolo Yidindji della zona di Cairns ricorda un tempo in cui l’isola di Fitzroy faceva parte della terraferma e l’isola verde al largo era quattro volte più grande. La storia descrive diversi punti di riferimento denominati con le associazioni storico-culturali ricordate che ora sono sott’acqua.

Possiamo essere quasi certi che gli abitanti di questa zona hanno occupato la costa “dove ora sorge la Grande Barriera Corallina” durante l’ultima era glaciale, poiché essa avrebbe compreso ampie pianure alluvionali e colline ondulate con una serie di possibilità di sussistenza, delimitate in gran parte da ripide scogliere che scendono verso la stretta riva.

La domanda è se i dettagli di queste storie ricordano questo periodo perché, se così fosse, la storia potrebbe risalire a ben 13.000 anni fa. Un’interpretazione più conservativa, basata su un livello del mare appena 30 metri più basso di oggi, collocherebbe l’età di questa storia a circa 10.000 anni fa.

Storie simili provengono da Spencer Gulf, nel sud dell’Australia. Quelli del popolo Narrangga della penisola di Yorke ricordano il tempo in cui non c’era il Golfo di Spencer, solo un “paese paludoso che si estendeva verso l’interno” appena sopra la superficie dell’oceano e punteggiato da “lagune d’acqua dolce” dove si affollavano uccelli e altri animali.

Un giorno il mare è entrato, forse per la rottura di una barriera naturale, e da allora la zona è stata sommersa. Se queste storie si riferiscono a inondazioni attraverso il labbro più esterno del Golfo di Spencer, che oggi si trova a circa 50 metri sotto il livello del mare attuale, allora potrebbero avere avuto origine 12.000 anni fa. Anche se si riferiscono all’inondazione della parte centrale del Golfo, è probabile che abbiano più di 9.000 anni.

Storie antiche


Come il livello del mare sia cambiato dopo le ere glaciali in Australia è ormai ben noto. Quindi, se queste storie sono accettate come autentiche e basate sulle osservazioni delle inondazioni costiere, è chiaro che devono essere di straordinaria antichità.

La documentazione storica mostra quando parti della costa australiana si sono allagate.
Come sappiamo che queste storie sono autentiche? Noi suggeriamo che, poiché dicono tutte essenzialmente la stessa cosa, è più probabile che si basino sull’osservazione. Tutti raccontano dell’oceano che si innalza su aree che prima erano aride. Nessuno racconta storie che corrono nell’altro senso – di mari che cadono per esporre la terraferma.

Le enormi distanze che separano i luoghi da cui sono state raccolte le storie – così come i loro unici contesti locali – rendono improbabile che derivino da una fonte comune che è stata inventata.

Per tali ragioni, consideriamo l’elemento comune di queste storie sul livello del mare che inondano le pianure costiere, creando talvolta delle isole, come basato sull’osservazione di un tale evento e conservato attraverso le tradizioni orali.

Questa conclusione, a sua volta, solleva molti interrogativi interessanti.

L’Australia è unica?


L’innalzamento del livello del mare dall’ultima era glaciale da 120 metri sotto il presente si è verificato non solo in Australia ma in tutto il mondo, inondando parti significative di tutti i continenti.

Potremmo aspettarci di trovare collezioni comparabili di storie di innalzamento del livello del mare da tutte le parti del globo, ma non è così. Forse esistono, ma sono state scartate a causa di un’improbabile antichità dagli studiosi che aderiscono alla visione più ortodossa secondo cui le tradizioni orali raramente sopravvivono più di un millennio.

Un’altra possibilità è che l’Australia sia davvero unica ad avere un tale canone di storie. Questo invita a chiedersi perché e come le culture aborigene australiane possano aver ottenuto la trasmissione di informazioni su eventi reali da un tempo così profondo.

L’isolamento dell’Australia potrebbe essere parte della risposta. Ma potrebbe anche essere dovuto alla pratica e alla natura della narrazione aborigena contemporanea. Questo è caratterizzato da un approccio conservativo ed esplicito alla “legge”, dal valore dato alla conservazione dell’informazione e da sistemi basati sui parenti per tracciare l’accuratezza della conoscenza.

Questo avrebbe potuto costruire l’impalcatura intergenerazionale necessaria per trasmettere le storie su vasti periodi, rendendo queste storie forse uniche al mondo.

Tradotto dall’articolo in Creative Common qui, autori Nick reid e Patrick D. Nunn

Ecco di seguito la citazione scientifica:

Oral traditions, especially contrasted with written history, are typically portrayed as inaccurate. Commenting on native title claims in the US, Simic (2000) made the specific claim: “As a general rule, unwritten legends that refer to events more than 1,000 years in the past contain little, if any, historical truth”. So can preliterate Indigenous languages tell us anything factual about the distant past, or does the transmission of historical facts become inevitably corrupted? Changes in sea levels around the Australian coast are now well established. Marine geographers can now point to specific parts of the Australian coast and know with some confidence what the sea levels were at a particular time before the present. This paper reports on a substantial body of Australian Aboriginal stories that appear to represent genuine and unique observations of post-glacial increases in sea level, at time depths that range from about 13,400–7,500 years BP. This paper makes the case that endangered Indigenous languages can be repositories for factual knowledge across time depths far greater than previously imagined, forcing a rethink of the ways in which such traditions have been dismissed.

Le tradizioni orali, in particolare quelle in contrasto con la storia scritta, sono tipicamente descritte come imprecise. Commentando le rivendicazioni dei titoli popoli nativi americani , Simic (2000) ha fatto la specifica affermazione: “Come regola generale, le leggende non scritte che si riferiscono ad eventi di oltre 1.000 anni nel passato contengono poca, se non nessuna, verità storica”. Quindi, le lingue indigene preliterate possono dirci qualcosa di fattuale sul passato lontano, o la trasmissione dei fatti storici diventa inevitabilmente corrotta? I cambiamenti del livello del mare intorno alla costa australiana sono ormai consolidati. I geografi marini possono ora indicare parti specifiche della costa australiana e sapere con una certa sicurezza quali erano i livelli del mare in un determinato momento prima del presente. Questo documento riporta un corpus sostanziale di storie di aborigeni australiani che sembrano rappresentare osservazioni autentiche e uniche di aumenti post-glaciale del livello del mare, a profondità che vanno da circa 13.400-7.500 anni BP. In questo articolo si afferma che le lingue indigene in pericolo possono essere depositari di conoscenze fattuali su profondità temporali molto più grandi di quanto precedentemente immaginato, costringendo a ripensare i modi in cui tali tradizioni sono state ignorate.

Reid, N., et al. (2014). Indigenous Australian stories and sea-level change. Proceedings of the 18th Conference of the Foundation for Endangered Languages, Foundation for Endangered Languages Hungerford, Berkshire.

Le antiche leggende aborigene conservano la storia dell’innalzamento del livello del mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 7 =

it_ITItaliano
de_DEDeutsch it_ITItaliano
WhatsApp chat